Rai Movie

  • EnnioMorricone_SoundtrackNon è il primo Oscar che l’Academy tributa a Ennio Morricone, è cosa nota infatti che nel 2007 gli venne attribuito l’Oscar onorario alla carriera dopo ben cinque nomination, eppure è come se si trattasse della prima statuetta. Non fosse altro per il fatto che il premio viene attribuito a una specifica colonna sonora, quella del film di Tarantino, The Hateful Eight,che tanto ha insistito per averlo tra i suoi collaboratori nell’ottavo film della sua carriera, ma anche perché il lavoro del Maestro è parte integrante della cinematografia internazionale degli ultimi cinquanta anni.

     

    Se la prima nomination per un Premio Oscar è del 1979 per la colonna sonora de I giorni del cielo (Terrence Malick) il primo Nastro d’Argento è del 1965 per il film Per un pugno di dollari di Sergio Leone, al quale seguirono quello del 1970 per Metti una sera a cena di Patroni Griffi e quello del 1971 per Sacco e Vanzetti di Giuliano Montaldo. Nel 1986 un’altra candidatura agli Oscar per Mission (Roland Joffé), premiato con il BAFTA e il Golden Globe. Seguirono le candidature per Gli intoccabili (Brian De Palma) nel 1987 , che vinse il Nastro d’argento, il BAFTA, il Golden Globe e il Grammy Award, per Bugsy (Barry Levinson) nel 1992 e nel 2001 per Malèna (Giuseppe Tornatore).

    EnnioMorricone_Oscar

    Quincy Jones consegna l’Oscar a Ennio Morricone

    Nel 1984, vinse un altro BAFTA per la colonna sonora di C’era una volta in America, l’ultimo film di Sergio Leone, ma nella memoria di chi ama il cinema ogni sua composizione è un capolavoro e, soprattutto, ogni sua colonna sonora è la carta d’identità del film per cui è stata scritta.
    Questa sera alle 19.15 per festeggiare il premio Oscar Ennio Morricone, che celebreremo anche il 5 marzo in prima serata con Mission, trasmettiamo Il mio nome è Nessuno film di Tonino Valerii nato da un’idea di Sergio Leone che lo produsse e ne diresse alcune scene. Il film ebbe un grande successo di pubblico, anche perché la mano di Leone è riconoscibile in molte sequenze in cui il regista rifà il verso a se stesso e al genere spaghetti-western in maniera parodistica. Protagonisti Henry Fonda e Terence Hill, come dire il western classico, quello dei pioneri alla conquista di nuove frontiere, e il filone più moderno, comico e scanzonato, nato proprio dalla coppia Terence Hill e Bud Spencer.

     

    Ilmionomeenessuno_TerenceHill

    Terence Hill in “Il mio nome è Nessuno”

    Questa sera alle 19.15
    Il mio nome è nessuno
    di Tonino Valerii (Italia, 1973)
    con Terence Hill, Henry Fonda, Jean Martin
    Nessuno, giovane scanzonato e senza meta, incontra Jack Beauregard, leggendario cacciatore di taglie desideroso di ritirarsi in Europa. Nessuno, cresciuto nel mito delle gesta del vecchio pistolero, decide di fargli chiudere la carriera con un’impresa all’altezza del suo nome: affrontare da solo la carica di  150 cavalieri ossia del ‘mucchio selvaggio’. Non basta un’epica impresa, però, per chiudere in bellezza la carriera di un così grande pistolero, serve una grandiosa uscita di scena: sarà ancora una volta Nessuno a organizzare un duello da lasciar scritto nelle pagine della storia del West.
    (raffaellavicario)

    Comments

    comments

  • Scrivi un commento


    Nota: La moderazione dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.

Calendario

febbraio: 2016
L M M G V S D
« gen   mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
29  

Search

Film e Programmi in onda

Tutti i programmi di Rai Movie