Rai Movie

  • HacksawRidgeProiezioni per tutti i gusti, domenica 4 settembre alla 73ma Mostra del Cinema. Per chi vuole riflettere sui grandi interrogativi esistenziali c’è il documentario di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, Spira Mirabilis : “… Il film combina pensiero razionale ed emotivo e dà vita a un affresco poetico che racconta la parte migliore di noi, mostrando la responsabilità, la debolezza e la forza che gli uomini hanno nei confronti del mondo. Da questa tensione scaturisce la “spirale meravigliosa”: l’umano tentativo di accettare e contemporaneamente superare i propri limiti“.

     

    Per chi invece è in vena di grandi storie, c’è il premio Oscar Mel Gibson che torna dietro la macchina da presa per dirigere il suo ultimo film Hacksaw Ridge (Fuori Concorso), storia vera di Desmond Doss che, a Okinawa, durante una delle più cruente battaglie della seconda guerra mondiale, salvò 75 uomini senza sparare un solo colpo. Al Lido, per presentare la pellicola, Mel Gibson, Andrew Garfield, Teresa Palmer, Vince Vaughn, Hugo Weaving, Luke Bracey.

     

    UnlupomannaroamericanoaLondraNella sezione Venezia Classici, arriva John Landis a presentare la versione restaurata di Un lupo mannaro americano a Londra, intramontabile cult anni 80 per tutti gli appassionati di horror. “Quando ha fatto questo film, ricordo che uno venne a dirmi che alla fine del film il lupo mannaro viene ucciso con delle pallottole mentre non si può uccidere un lupo mannaro con le pallottole. Continuò a ripetermi che si può uccidere un lupo mannaro solo con delle pallottole d’argento, cosa che mi sembrò molto buffa. ‘Davvero? Perché? Quanti lupi mannari hai conosciuto?’. Le pallottole d’argento vengono dal film The Wolf Man [di George Waggner, 1941] che era stato scritto da Curt Siodmak. In uno dei sequel, si parla di pallottole d’argento per ammazzare un lupo mannaro. Una volta mi disse che l’idea gli venne ascoltando alla radio The Lone Ranger e pensò: ‘Pallottole d’argento! Grande!’. E lo mise nella sceneggiatura. Questo per dire che quello che crediamo folklore e mitologia, spesso è stato inventato dagli sceneggiatori. È buffo perché si tratta di cose non vere. Non esistono vampiri, né lupi mannari, né zombie. Quando si parla di soprannaturale, le regole te le fai da te. Guarda la religione. Ogni religione si crea le proprie cavolo di regole. The Exorcist è uno dei miei esempi preferiti di sospensione del dubbio. Sono un ateo completo, un ebreo per cultura e certamente non credo al diavolo. Per niente. Ma quando vedo The Exorcist, me la faccio addosso per la paura” (John Landis su Wired, 19 settembre 2011).

     

    Il programma delle conferenze stampa, in diretta streaming su www.raimovievenezia.rai.it :

    Leggi tutto…

Calendario

settembre: 2016
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Search

Film e Programmi in onda

Tutti i programmi di Rai Movie