Rai Movie

  • SJ_RedCarpet_07Under the Skin di Jonathan Glazer (UK, 2013) – Prendi un’aliena, falla guidare. Il regista di Sexy Beast  trasforma il romanzo di Michel Faber in un viaggio messianico senza didascalie. Scarlett Johansson è il fulcro di uno dei film più coraggiosamente ellittici della Mostra.

     

    The Unknown Known di Errol Morris (USA, 2013) – Un’ora e tre quarti con Donald Rumsfeld. Dopo Robert McNamara in The Fog Of War  ecco un altro padrone della guerra di fronte all’Interrotron di Errol Morris. Da vedere in sala. Dedicato alla memoria di Roger Ebert.

     

    Une Promesse di Patrice Leconte (Francia/Belgio, 2013) – Dalla novella di Stefan Zweig la storia di un amore impossibile sbocciato all’alba della Prima Guerra Mondiale. Regista francese, testo austriaco e attori inglesi in un period piece ad alto contenuto romantico.

     

    Feng ai di Wang Bing (Cina, 2013) – Un documentarista emergente e molto amato porta sullo schermo le storie tragiche di alcuni detenuti rinchiusi in un ospedale psichiatrico cinese. Trionfo dei bisogni primari: comunicazione, affetto, calore umano.

     

    Jiaoyou – Cani randagi di Tsai Ming-Liang (Taiwan, 2013) – Il regista di Vive l’amour e Il fiume conduce i suoi personaggi senza meta nel centro di uno schermo immaginario, puro e assoluto. Una parabola sul fallimento e sulla ricostruzione, nella Taipei dei centri commerciali e degli uomini-cartello.

     

    Walesa – Man of Hope di Andrzej Wajda (Polonia, 2013) – Nascita e apice del leader di Solidarnosc, attraverso la ricostruzione di una intervista con Oriana Fallaci. Girato in Scope con camera a mano, montaggio serrato e una colonna sonora di new wave polacca. Andrzej Wajda ha 87 anni ma il suo cinema non li dimostra.

     

    Mahi va gorbeh (Fish & Cat) di Sharham Mokri (Iran, 2013) – Un piano sequenza in steady di 134 minuti per mettere in scena gli orrori dello spazio-tempo. Riflessione su struttura filmica, sogno e memoria realizzata con disarmante semplicità da un regista che ama Resnais e Robbe-Grillet.

     

    Le Terrazze di Merzak Allouache (Algeria, 2013) – Dietro a buoni propositi e preghiere la faccia sconcertante dell’Algeria contemporanea. Un film sulla violenza come gestione quotidiana della propria identità, da cui nemmeno le nuove generazioni sembrano potersi affrancare.

     

    #iosonocritico – Le vostre opinioni sui film visti alla Mostra in questi giorni, il contributo dei critici di Hollywood Party, la colonna sonora di Marco Guazzone & Stag le potete vedere e rivedere QUI

Calendario

novembre: 2019
L M M G V S D
« Apr    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Search

Film e Programmi in onda

Tutti i programmi di Rai Movie