Rai Movie

  • Tomas_01Questa sera alle 22.55 circa dopo Squadra volante, continuiamo il ricordo di Tomas Milian con The Cuban Hamlet – Storia di Tomas Milian, il documentario di Giuseppe Sansonna che racconta il ritorno dell’attore nella sua Havana, lasciata nel 1956.
    Bellissimo, ricco e spregiudicato, rinunciò a un’agiata esistenza alto borghese per arrivare a New York, sulle orme del suo mito James Dean. Mentre otteneva un insperato ingresso all’Actors studio, a Cuba esplodeva la Revolución castrista.
    Tomas decise allora di intraprendere la sua rivoluzione personale, vissuta sullo schermo. Diventò italiano d’adozione, oscillando tra Visconti e Bombolo, tra Antonioni e lo spaghetti western.
    Dopo quasi sessant’anni dalla sua partenza, rivede Cuba per la prima volta. Vagando per l’Havana “alla ricerca dei passi perduti” si abbandona a un lungo, ipnotico racconto nel suo dolce tono ispanico, puntellato di gergalità americane e scivolamenti romaneschi. Confessandosi a uno sguardo amico, traccia bilanci, rimugina ricordi, tragedie fondative e amori perduti. E, infine, sembra svelare l’ultima maschera, quella più intima.

     

    Guarda il Trailer

     

     

    TM_04

  • EL-MAGNIFICOPrima e seconda serata all’insegna del western lunedì 6 giugno con Terence Hill protagonista assoluto dei film …E poi lo chiamarono il magnifico e Preparati la bara!.

     

    Alle 21:15  in E poi lo chiamarono il magnifico, Terence Hill interpreta Sir Thomas Moore, spedito nel West per prendere possesso dell’eredità paterna. Nobile e amante della poesia, ai cavalli preferisce la bicicletta, ma dovrà fare i conti con la natura selvaggia del luogo. Lo aiuterà l’amore per Candida (Yanti Somer). Il film è diretto da E.B. Clucher, al secolo Enzo Barboni, già regista dei due Trinità.

     

    Alle 23:30 Preparati la bara!, dove il giovanissimo Terence Hill veste  i panni del pistolero Django. Un  spaghetti western classico diretto da Ferdinando Baldi, con Horst Frank (David Barry) e George Eastman (Lucas). Deciso a diventare ad ogni costo governatore, lo spietato David Berry chiede aiuto al vecchio amico Django, che però si rifiuta di collaborare. Django sta scortando un carico d’oro, quando un gruppo di banditi (inviati da David) li assale uccidendo tutta la scorta e anche la moglie di Django, che viaggiava al seguito. L’unico superstite è proprio Django, che cercherà vendetta.

  • C'era_una_volta_in_AmericaDomenica 10 gennaio alle 21.15 vi proponiamo C’era una volta in America di Sergio Leone, nella versione restaurata nel 2011, operazione che incluse l’aggiunta di 25 minuti di scene eliminate, facenti parte del primo montaggio del regista, nonché il ripristino del doppiaggio originale. Tratto dal romanzo Mano armata (The Hoods) di Harry Grey, autobiografia del  gangster David Aaronson, il film è il risultato di un lunghissimo lavoro del regista, che cominciò a pensare di realizzare una storia di gangster ambientata in America ai primi del ‘900 subito dopo l’uscita di Giù la testa. Spesso, infatti, il film viene considerato come l’ultimo capitolo di una trilogia sul tempo, dopo C’era una volta il West (1968) e Giù la testa (1971).

     

    C'era una volta in America_00Accolto  tiepidamente dal pubblico americano, al quale fu proposta la versione ridotta da 140 minuti stravolta anche nel montaggio temporale,  C’era una volta in America riscosse un enorme successo di pubblico e di critica nel resto del mondo, dove fu proiettata la versione intera da 220 minuti, ed è oramai considerato uno dei capolavori del cinema mondiale. Merito  anche della pluripremiata colonna sonora di Ennio Morricone e dell’intero cast,  tra cui spicca il personaggio principale, Noodles, interpretato da Robert De Niro, già vincitore di due Oscar (nel 1975 per Il padrino – parte II, nel 1981 per Toro scatenato).

     

    Nde niroondimeno indimenticabile è la regia di Sergio Leone, capace di trasportare alcuni elementi degli spaghetti-western, di cui fu maestro indiscusso, nel genere gangster innovandone l’impianto e i caratteri al punto che, ancora oggi, la sua cinematografia resta un saldo riferimento per moltissimi cineasti di tutto il mondo. Da Kubrick a Scorsese, da Peckinpah a Tarantino, da John Woo a Zemeckis, senza dimenticare uno dei suoi attori preferiti, Clint Eastwood, l’influenza del suo cinema è tangibile e riconoscibile, laddove non fossero presenti esplicite citazioni e ringraziamenti.
    Il film è disponibile in doppio audio.

     

     

    WoodsDomenica 10 gennaio alle 21.15
    C’era una volta in America
    (Once Upon a Time in America)
    di Sergio Leone (ITA/USA, 1984)
    con Robert De Niro, Sam Woods, Elizabeth McGovern
    David “Noodles” Aaronson, ex gangster durante l’era del proibizionismo, torna nel Lower East Side a Manhattan dopo trentacinque anni, dove affronterà ancora una volta i fantasmi e i rimpianti della sua vecchia vita.  Attraverso i suoi ricordi rivive l’epico racconto di un gruppo di gangster ebrei: dall’adolescenza agli anni di gloria, dal ghetto all’ambiente della malavita newyorkese, fino al momento in cui si ritrovano alla fine degli anni sessanta. Due candidature ai Golden Globes, 1985: miglior regista (Sergio Leone), miglior colonna sonora originale (Ennio Morricone). Cinque candidature e due vittorie ai BAFTA Awards, 1985: migliori costumi (Gabriella Pescucci), miglior colonna sonora (Ennio Morricone). Una candidatura ai David di Donatello, 1985: miglior regista straniero (Sergio Leone). Cinque vittorie ai Nastri d’Argento, 1985: miglior regista (Sergio Leone), miglior fotografia (Tonino Delli Colli), miglior scenografia (Carlo Simi), migliori effetti speciali. Tre candidature e tre vittorie ai Los Angeles Film Critics Association Awards (LAFCA), 1984: miglior colonna sonora (Ennio Morricone), secondo posto come miglior film e come miglior regista (Sergio Leone).
    (raffaellavicario)

Calendario

settembre: 2019
L M M G V S D
« Apr    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Search

Film e Programmi in onda

Tutti i programmi di Rai Movie